(?)

21 Apr

La mia pelle una sola cosa con la tua, non sento più le distanze e neanche il fastidio iniziale. Non sento quel senso di invasione.
Toccami.
Piccoli brividi accompagnano le tue dita. Il mio corpo si trasforma in uno strumento musicale poggiato dolcemente sopra il tuo caldo petto. Respiro lentamente sperando che i minuti tardino a giungere, uno dietro l’altro.
Tick-tock.
Vorrei abbandonarmi a un lungo sogno tra le tue braccia. Lo farei se non avessi il timore del risveglio. E allora ti stringo forte, impedendoti quasi di muoverti, di guardarmi, di vedere negli occhi.

Dimmi, ti spaventerebbe leggervi chiaramente la paura?

Dimmi, cos’è questa paura?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: