Scusi, sa dirmi quale è il bancomat più vicino?

16 Mag

Un attimo prima le nostre lingue facevano la lotta e un attimo dopo ti ho vista sparire dietro le porte di un treno. Ho seguito il tuo corpo da fuori fino a quando non hai trovato posto e bussando al finestrino ti ho urlato “Tornerai”. E ci credevo davvero. Avevo stampato in faccia quella cazzo di espressione dei telefilm in cui i fighetti americani fanno del sarcasmo. Sì, esatto, quel sorrisino arrogante, quello che quando lo vedi sulla faccia dello stronzo che parla con te, ti fa venire voglia di sputargli in faccia.

Ti ho aspettato, maledetta, ti ho aspettato lì, seduto sopra un marciapiede, con la pioggia che mi filtrava le mutande. Ti ho aspettato quando mi hai detto che dovevi chiarire con il tuo ex. Ti ho aspettato quando dovevi rimettere in ordini i tuoi pensieri. Ti ho aspettato quando promettevi che ti avrei rivisto. Ed era la convinzione di avere una qualche importanza per te che mi ha spinto ad attendere. Era la convinzione che non potesse esserci al mondo una stronza di tale misura. Che non potesse esistere nessuno in grado di giocare con il mio tempo. La cosa che mi fa più rabbia è che non ho ancora il coraggio di scrivere di getto che ho solo buttato al cesso un anno. Perché sono solo un povero coglione che pensa che prima o poi tornerai e che chiedendomi umilmente perdono dirai che mi ami. E questo succede perché ho visto troppi telefilm americani del cazzo con dei fighetti che hanno espressioni dementi. Questo succede perché quando mi faccio una sega io penso ancora a te. E perdona la franchezza e la mia mancata eleganza, ma, dopo essersi sentiti dire che non sentivi più nulla, aver passato mesi e mesi in uno stato di agonia, per poi scoprire che te la facevi con un cinquantenne dalle tasche piene, sento il bisogno di urlare la mia rabbia. Sento il bisogno di dirti che mi fai pena. Che sei una troia. Cazzo, sì sei una fottuta troia. Bada che dicendoti questo torno a respirare, torno a vivere. Ero convinto che facendo finta che tutto mi scivolasse addosso tu ti saresti sentita peggio e io meglio. Mentre invece mi rendo conto che sei una troia priva di cervello che quando ha vista la mia schiena allontanarsi in silenzio ha pensato che se la fosse cavata con poco e che potesse tornare tranquillamente alla propria vita. E io non mi sentivo meglio, anzi, io morivo.
Quello che voglio da te adesso è che tu venga da me. Voglio sfamare il mio mostro. Mostrarti che anche io so trattarti come meriti, che anche io so pagare dopo una prestazione sessuale.

“Contanti o carta di credito?”

“Bancomat”

Annunci

7 Risposte to “Scusi, sa dirmi quale è il bancomat più vicino?”

  1. ecletticabetty maggio 17, 2010 a 10:30 am #

    ovvai… spiegati spiegati meglio. chi scrive? perchè scrive? chi è? chi sei?
    bello…
    lo abbiamo provato in tanti.

    • Olta maggio 17, 2010 a 2:27 pm #

      Ovvai Betty.
      Scrive un ragazzo che ha sofferto ma che adesso ha voglia di mostrare che non è più schiavo del dolore.
      E’ un po’ il Cocciante di bella senza anima.

      Grazie.

  2. erika maggio 17, 2010 a 4:40 pm #

    Il più delle volte è proprio così..
    Bella..scrivi benissimo.
    Un bacino ❤

    • Olta maggio 17, 2010 a 4:47 pm #

      Grazie mia cara, smack.

  3. margheritafalcini maggio 20, 2010 a 8:09 pm #

    Autobiografico?

    • Olta maggio 20, 2010 a 9:14 pm #

      Direi di no. Ma alcuni punti mi appartengono.

  4. nottoohardplease luglio 14, 2010 a 11:08 pm #

    ci sta la canzone, dà un tocco diverso alla lettura pero’, non so se è bene o male. a me piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: