La coscienza di Claire

29 Ago

Come ogni notte si era messa comoda sul divano e aveva verticalmente appoggiato la sigaretta sopra il bordo marmoreo della finestra e osservava come il buio venisse spezzato dall’ardere del tabacco. Detestava le sigarette, ne detestava l’odore, il sapore, ma, collezionava filtri. E poi era convinta che quei pochi attimi fossero gli unici in cui riuscisse a pensare alla sua vita. E in fondo le sarebbero realmente bastati, perché non c’era molto su cui riflettere, se non fosse che anche quei due o tre minuti non venivano affatto concentrati sulla sua vita ma erano dedicati all’auto compiacimento, si compiaceva del suo essere così originale nel non-fumare.
Aldilà dell’odore, Claire detestava il fumo perché era stato lui a scavare la fossa a tutte le persone a lei care. Il nonno, la nonna, l’altra nonna e l’altro nonno. Il babbo, il fratello e il suo amico immaginario. Anche sua zia, che era morta per complicazioni in un’operazione alle ovaie, secondo lei era morta perché poco prima di entrare in sala operatoria aveva segretamente consumato la sua ultima sigaretta nel bagno della sua camera ospedaliera. Per di più sua zia non aveva mai avuto una camera ospedaliera e quantometro un bagno ospedaliero ma nessuno si preoccupava di ricordarglielo. Se dovessi fare una classifica tipo quelle che si fanno alle medie per decretare la tettona della classe, sua zia era una retromarcia. No, non volevo dire questo, cioè, non che questo non fosse vero ma il punto era che con sua zia non aveva mai avuto ottimi rapporti. Principalmente non andavano d’accordo perché sua zia non molto segretamente pensava che lei fosse “vispa”. Per capirci meglio, ad ogni cena di famiglia diceva in giro che lei era una “troia”. Non che Claire desse poi troppa attenzione a quel che pensasse o meno ma chissà perché si era sentita offesa e aveva preferito mantenere le distanze.
Al funerale era stata costretta ad andare in nome di sua madre che era impossibilitata perché paralizzata, ovviamente a causa del fumo. Una volta lì però, aveva pianto, ed erano lacrime sincere, non per sua zia ma sincere.
Claire aveva una vita semplice, viveva da sola da quando le era morto il cane, anche lui perché aveva il brutto vizio di mangiare tabacco. Lavorava a casa. Faceva la critica, aveva una piccola rubrica dedita alla musica. Questo le evitava di avere molti contatti con il mondo. Praticamente non usciva di casa se non per comprare le sigarette. Eh sì, Alfred il tabaccaio non era come Margherite la signora del mini-market, lui si rifiutava di portarle gli acquisti a casa. La riteneva una cosa malata e non aveva tutti i torti. E poi anche lui come tutti conosceva le fissazioni di Claire e anche quando personalmente andava a richiedergli le sigarette molte volte le rispondeva che erano finite. Così le toccava andare da George, sull’altro lato della strada.
Claire passava le sue giornate ad ascoltare cd e dischi e poteva vantare una vastissima conoscenza di gruppi e artisti. Indubbiamente era la migliore nel suo campo. In fondo aveva dedicato la sua vita solo alla musica e non se ne pentiva affatto. Anche se da quando Sebastian, il suo amico immaginario (anche se secondo lei erano più che amici) era morto (si era addormentato e la sigaretta che aveva in mano gli era finita sui vestiti e l’aveva bruciato vivo), si era resa conto che era sola, che era sola e che non riusciva a vivere senza avere i brividi di un contatto fisico. Ma oltre al rendersene conto non aveva mai agito perché le cose cambiassero. Si abbandonava a lunghi pianti silenziosi mentre ascoltava De Gregori intonare “Povero me! Povero me! Povero me! Non ho nemmeno un amico qualunque per bere un caffè”. Che cosa stupida, lei era intollerante alla caffeina.
La vita proseguiva, Claire si piangeva sempre di più addosso. Aveva espanso il repertorio a Banhart, Cat Power, Glen Hansard e Markéta Irglová, Bon Iver, Alexi Murdoch e tanti altri ancora. Non sembrava neanche in gran salute, era pallida, dimagrita, non riusciva a mangiare perché aveva difficoltà a ingoiare e aveva forti dolori alla cassa toracica dovuti alla tosse persistente. Ma non se ne curava. Alfred si era accorto dei suoi cambiamenti e aveva cominciato a venderle pacchetti di sigarette più piccoli (quelli da cinque) così da poterla vedere più spesso e assicurarsi che stesse bene. Dopo cinque giorni dall’ultimo acquisto Claire non si fece vedere, Alfred chiuse la tabaccheria e andò da Margherite a chiederle a quale piano abitasse Claire, Margherite un po’ sorpresa gli rispose “Ahah, vecchio Alfred, vedi che alla fine non era io il mostro a portarle la spesa a casa? Quella ragazza mi fa così pena. E’ così magra e sciupata, la capisco se non vuole uscire di casa” avrebbe espanso le sue chiacchiere se non fosse che vide una certa agitazione negli occhi del vecchio tabaccaio e allora gli chiese cosa stesse succedendo. Lui per farla poco lunga le confessò che in verità era stato sempre un vecchio pigro e che però adesso sentendo l’ora della sua fine vicina e voleva aiutare il prossimo per assicurarsi un posto in paradiso (che vecchio burlone, non faceva che bestemmiare da mattina a sera). Lei felice e orgogliosa di quel che aveva fatto per anni “per Claire” gli rispose che si trovava all’ultimo piano, nel loft e che non doveva avere paura della morte perché lei si sarebbe occupata di cambiargli i fiori ogni giorno. Alfred un po’ schifato, usci velocemente dal negozio. Suonò ma non le rispose. Allora buttò giù la porta e vide Claire per terra.

Claire non riusciva a credere di avere il cancro ai polmoni. Aveva fumato una sola volta nella vita. Non aveva mai considerato il fatto che avere una collezione di filtri, infinita, volesse dire inalare fumo passivo. Non aveva considerato il fatto che il “pensare alla vita” l’avrebbe portata alla morte.

All my love was down in a frozen ground

Annunci

3 Risposte to “La coscienza di Claire”

  1. Faty settembre 29, 2010 a 9:17 am #

    Molto, molto bene.

  2. Francesca novembre 15, 2010 a 4:09 pm #

    Mi piace molto, brava brava brava Olta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: